MASSAGGI SPORTIVI

SPORT TREATMENTS

Dopo ogni corsa i muscoli rimangono inevitabilmente “segnati” dai nostri allenamenti. Saper riconoscere il tipo di dolore e adottare la giusta cura può fare la differenza tra recuperare o avere un infortunio

La vera sfida di ogni runner non è allenarsi duro, ma recuperare in tempi adeguati. Una delle principali differenze fra un atleta di livello e gli altri runner è la capacità di recuperare più velocemente la fatica degli allenamenti. Ogni gara o allenamento lascia nei muscoli, nei tendini e nelle articolazioni dolori immediati o ritardati. Ogni mattina ci svegliamo con un doloretto...

La corsa di resistenza crea giornalmente impatti sull'apparato locomotore e le contrazioni muscolari eccentriche lasciano il segno nelle fibre muscolari. Il runner deve abituarsi a convivere con certi dolori e distinguerli, per adottare le misure idonee a recuperare meglio.
Il dolore muscolare che compare ai polpacci o al quadricipite subito al termine dell’allenamento o della gara, spesso si accompagna all'innalzamento degli enzimi muscolari (CPK, LDH) e a volte anche alla presenza di sangue nelle urine (mioglobuminuria). Tutto questo è la conseguenza di un danno delle fibre muscolari indicato come rabdomiolisi. È una evenienza tutt'altro che rara e che diventa una emergenza medica se si accompagna a un’importante disidratazione.
Il dolore che invece compare dopo 24/48 ore dal termine di allenamenti o gare viene indicato come dolore muscolare ritardato o DOMS (Delayed Onset of Muscle Soreness). La causa è sempre la contrazione muscolare eccentrica (in allungamento), con il conseguente danno alle fibre muscolari e al loro sostegno connettivale.
Sono particolarmente i lavori intervallati, le gare, i fondi lunghi e le corse collinari, che favoriscono la comparsa dei DOMS. Soprattutto i nuovi lavori che vengono inseriti repentinamente li favoriscono, perché il runner non è abituato alle loro sollecitazioni. Le fibre danneggiate vanno incontro a riparazione e permettono di allenarsi ancora più duramente, ma questo continuo “turnover” di danno e ricostruzione, negli anni porta a fibrosi muscolare.

Dopo anni di corsa

Negli atleti che praticano la corsa di resistenza da molti anni, il tricipite surale (il muscolo del polpaccio) è normalmente fibrotico, perché i continui microtraumi portano alla sostituzione delle fibre muscolari con aree cicatriziali. Inoltre, il runner over 40 ha un fisiologico incremento della componente connettivale e i tempi di guarigione di ogni lesione muscolare, piccola o grande che sia, sono aumentati rispetto al giovane.
solo. In questi casi c’è una prevalenza dei fenomeni riparativi cicatriziali su quelli rigenerativi. Il muscolo è così rigido, dolente, e presenta dei noduli fibrosi cicatriziali che riducono anche l’efficienza della vascolarizzazione e della capacità di neoformazione vascolare. Sono quelle lesioni muscolari croniche che causano tanti disturbi in molti runner, particolarmente al polpaccio, e che disturbano gli allenamenti anche per mesi.

COME ACCELERARE I TEMPI

Ghiaccio

Applicalo subito dopo l’allenamento su tendini, muscoli o articolazioni per 10/15 minuti. Puoi anche immergere gli arti inferiori in acqua fredda o acqua e ghiaccio ad una temperatura di circa 15 gradi e sempre per 10 minuti.. È un semplice accorgimento che permette di ridurre dolore e infiammazione. Utile anche la crioterapia sistemica che porta, per una durata non superiore ai 3 minuti, ad una temperatura fra i meno 100°C e i meno 160°C. L’esposizione del corpo al freddo ha proprietà antinfiammatorie, analgesiche, antidolorifiche, stimolando la circolazione sanguigna, il sistema endocrino, immunitario e il sistema nervoso centrale.

Caldo

Applicalo sui muscoli dopo 24 ore dall’allenamento e gara. Aumentando la circolazione sanguigna apporterà nutrimento al muscolo sofferente. Il metodo più semplice è quello di utilizzare un asciugamano imbevuto di acqua calda. Ovviamente, se non si tratta di DOMS ma di una vera lesione muscolare, il calore non va applicato subito (devi mettere il ghiaccio), ma solo dopo qualche giorno.

Shock termico

Per shock termico si intende l’alternanza dell’applicazione di freddo e caldo, dove fasi di vasocostrizione sono seguite rapidamente da fasi di vasodilatazione. Alcune macchine fisioterapiche hanno un feedback di ritorno della temperatura rilevata in tempo reale sul paziente. La temperatura applicata varia cosi da < 18° C a + 40°C grazie al massaggio effettuato con l’utilizzo di un manipolo ergonomico che viene posto ma contatto con la parte da trattare.

Stretching

È utilissimo nel ridurre i dolori muscolari post esercizio. Distinguiamo lo stretching statico, balistico, passivo e la facilitazione neuromuscolare propriocettiva PNF. Va effettuato con gradualità e in relax per allungare i muscoli tesi e rigidi. I muscoli devono sempre essere riscaldati prima di effettuarlo per ridurre la viscosità delle fibre muscolari : bastano 10 minuti di corsa lenta o di cyclette. Se non effettui lo stretching con regolarità durante la settimana devi essere molto prudente quando lo fai, perché rischieresti di procurarti una lesione muscolare mentre lo esegui. Ogni esercizio deve essere ripetuto almeno 8/10 volte e dopo il graduale allungamento la posizione statica va mantenuta 15 secondi. Fate sempre lo stretching in palestra o a casa, ma mai al freddo o su un prato senza un tappetino da palestra. Gli effetti dello stretching sono numerosi : aumenta il rilassamento e la flessibilità, diminuisce la dolorabilità muscolare, riduce la fibrosi muscolare.

Nuoto e ciclismo

Dopo una gara o un allenamento molto impegnativo, nuota o pedala, subito o il giorno seguente. Il cross training è una delle pratiche più efficaci per recuperare le fatiche e i dolori muscolari. Un’attività in scarico effettuata anche solo per 30 minuti ti farà recuperare più in fretta della sola corsa. Dovete però nuotare e pedalare con continuità, così da abituarvi al gesto diverso e trarne il massimo beneficio. Altrimenti soprattutto con il ciclismo vi sentirete le gambe rigide e contratte : i rapporti utilizzati devono essere sempre agili.

Fibrolisi

Non c’è niente di meglio per frammentare i noduli fibrosi che impediscono alle fibre muscolari di scorrere fra di loro. Lavorando con gli uncini smussi (fibrolisori) il medico esperto libererà il muscolo dalle aderenze fibrotiche che ti disturbano. È bene effettuare periodiche sedute per raggiungere lo scopo. Ridurre il più possibile le aree fibrotiche esiti di lesioni muscolari o da sovraccarico eccentrico è il metodo più efficace per evitare le recidive che tanto disturbano il runner particolarmente al tricipite surale (polpaccio) È un lavoro lungo ma efficace.

Massaggio

Il massaggio sportivo è indicato per tutti coloro che praticano sport, agonisti e non, ma deve essere eseguito sempre e solo da personale specializzato: manovre sbagliate o praticate non correttamente possono compromettere la salute dei muscoli, causando possibili lesioni.
Solitamente il massaggio si concentra sulle zone facilmente soggette a contratture muscolari, quali gambe, schiena, braccia e collo.
Le manovre consistono in sfioramenti superficiali per favorire la distensione dei muscoli, per passare poi a frizioni per contrastare i dolori muscolari. Seguono poi delle manovre di impastamento per liberare i tessuti da tossine e acido lattico e riattivare la circolazione.

IL NOSTRO PARTNER:
TREATWELL

Per aiutare i runner nel percorso di recupero attivo, abbiamo scelto Treatwell come partner per i massaggi sportivi. Forse lo conoscerete come il più grande sito di prenotazioni di trattamenti di bellezza in Europa, ma Treatwell collabora anche con tantissimi professionisti in tutta Italia in grado di offrire trattamenti dedicati agli sportivi.

Per questo motivo vogliamo offrirti la possibilitá di usufruire di un massaggio in uno dei centri Treatwell a un prezzo agevolato.

Scarica l’app NRC

Hai già l’app NRC?

PER UTILIZZA IL CODICE CLICA QUI
Clicca qui

Non hai ancora l’app NRC?